Angelo Santoro Avviare il Blog - Accademia del Blog accademia del blog  specifica Blog Accademy

Avviare il Blog – Accademia del Blog Specifica tecnica per avviare il nostro blog


Finalmente ci ritroviamo ad avviare il blog, siamo dei blogger ora tocca rimboccarsi le maniche, accendere il nostro PC è iniziare a scrivere gli articoli, sei emozionato?

Mi dispiace darti una brutta notizia, ma prima di passare a scrivere articoli che rendano unico il nostro Blog, dobbiamo utilizzare un poco del nostro tempo per studiare la parte del CSM che ci permetterà di avere il nostro Blog.

Nelle lezioni precedenti abbiamo visto tutta la parte introduttiva, per riuscire a costruire la base che da ora in avanti dovremo trasformare in un blog, se ti sei perso qualche passaggio ti rinfresco la memoria con i link degli articoli passati:

“Avviare il blog: Differenza tra blog e CMS”

Sei con l’entusiasmo alle stelle e l’unica cosa che vorresti è iniziare a scrivere e rendere pubblici i tuoi articoli, posso capirti benissimo ma prima di ritrovarci a scrivere e pubblicare i nostri post, mi soffermo a spiegarti alcune differenze per non incorrere negli errori che anche io ho commesso agli inizi della mia carriera come Blogger, ritrovandomi con pochi lettori.

Giustamente siano in procinto di avviare un blog, ma prima di tutto è doveroso comprendere la differenza base che c’è tra “BLOG” e “CSM“.

Per BLOG si intende l’insieme delle informazioni contenute nello spazio web create tramite l’apposito software, che gestisce i contenuti di un sito web, comunemente chiamato CMS acronimo di “Content Management System“.

Molte piattaforme di blogging sono considerate un tipo specifico di CMS, in quanto rendono il più semplice possibile, la gestione del blog. Hanno funzionalità specifiche che consentono di pubblicare su internet semplicemente scrivendo un articolo, dandogli un titolo e organizzandolo sotto una o più categorie. Mentre alcuni CMS offrono una grande e complicata varietà di funzioni, una piattaforma di blogging fornisce un’interfaccia dove si può lavorare in modo intuitivo e la logica che trasforma il testo in una pagina web resta nascosta all’utente. In questo modo ci si può concentrare su ciò che si scrive mentre il software si occupa di tutto il resto.

“Avviare il Blog: Quali piattaforma CMS scegliere”

Se effettuiamo una ricerca su Google inerente le piattaforme per blog, noteremo come ormai ce ne siano davvero un sacco, partendo dalle più conosciute e utilizzate arrivando alle piattaforme più simili ai social network che ormai tutti conosciamo, eccoti un elenco delle più importanti piattaforme CMS:

WordPress: nato come piattaforma di blogging, nel tempo si è evoluto talmente tanto da permettere di fare qualsiasi cosa. Da notare però che il meglio lo da sempre per quello che è stato creato: il Blog.

Joomla: è l’alternativa a WordPress più utilizzata e flessibile. Joomla, a differenza di WordPress, è stato realizzato proprio per la creazione in piena autonomia di siti web. È da notare che però è più complesso da utilizzare rispetto al diretto concorrente.

Drupal: piattaforma molto evoluta che permette di fare qualsiasi cosa anche la gestione di un sito più evoluto come un portale. Il problema è che ancora più complesso rispetto a Joomla quindi è preferibile che venga installato e ottimizzato da un esperto del settore.

Blogger: piattaforma gestita da Google a cui è possibile accedere gratuitamente, una piattaforma di blogging che, a differenza di altre concorrenti, non presenta significative aperture verso la rete sociale.

“Avviare il blog: piattaforma migliore per un blog”

Non solo un suggerimento personale ma questa scelta ricade su WordPress anche perchè è la più utilizzata dai blogger professionisti.

WordPress è una delle piattaforme di blog più avanzate, si presenta al blogger con un’ampia varietà di funzioni. Attraverso il suo pannello di amministrazione si possono modificare tutte le impostazioni di comportamento e presentazione del blog.

Sempre nel pannello di controllo, si può comporre velocemente un articolo e con un semplice click su un pulsante, vederlo pubblicato istantaneamente sul web. WordPress si occupa di far sì che il vostro articolo sia gradevole a vedersi ed il codice html generato rispetti gli standard.

Angelo Santoro Avviare il Blog - Accademia del Blog accademia del blog  specifica Blog Accademy

“Differenza tra wordpress.com e wordpress.org”

Dato che la scelta per avviare un blog ricade su WordPress, è giusto comprendere la differenza tra un blog hosted e uno self-hosted. Comprendere questa differenza ti porteranno a valutare quale migliore opzione fa al caso tuo, ti guiderò in questa scelta sulla base delle tue esigenze specifiche.

hosted: wordpress.com

Se hai intenzione di avviare un blog con lo scopo puramente passionale, la versione “.com” di WordPress è quella che fa al caso tuo, disponibile online e offre vantaggi per quanto riguarda l’aspetto economico ma non a livello tecnico.

La versione .com di WordPress ti permetterà di  creare e gestire, il tuo blog interamente attraverso la piattaforma online di WordPress, questo implica che non sarà necessario acquistare dominio e piano di hosting.

Ecco un esempio di blog hosted su wordpress lo puoi vedere a questo link:

chiediamodel.wordpress.com

Come si può notare a prima vista, ci troviamo a poter avere un blog che ha come indirizzo un sub-dominio di wordpress. WordPress.com è la soluzione più semplice, e di sicuro allettante dato il costo totalemte pari a 0 euro, con la configurazione iniziale molto semplice e immediata, anche se ha moltissime limitazioni come ad esempio non poter inserire plugin da utilizzare.

self-hosted: wordpress.org

Ma worpress ha anche una versione totalmente open-source, ovvero totalmente modificabile e personalizzabile, parliamo della verisone self-hosted “.org”

Questa versione, a differenza di un blog wordpress.com, ha bisogno di un hosting e un domidio, quindi dovrai trovare un hosting che sia gratuito o a pagamento collegando il CMS a un dominio, successivamente ti spiegherò la differenza tra Dominio e Hosting e la mia scelta personale.

wordpress.org è il sistema che prediligo per tutti i blog che gestico, tra cui per l’appunto:

www.angelosantoro.it o www.spinblogger.it

Ospite nell’hosting che ho aquistato, la versione .org di WordPress è di fatto un software open-source, scaricabile gratuitamente in rete e facilmente installabile sul server, associandolo a un dominio di cui siamo possessori.

La praticità del software wordpress.org, lo si riscontra nei differenti aspetti tecnici e grafici, come ad esempio le migliaia di temi disponibili, moltissimi plugin che ci aiuteranno a interagire con i lettori o automatizzare alcuni passaggi per la pubblicazione, questi sono solo alcuni esempi che si trovano nel mercato del web, prodotti da potere acquistare e utilizzare sia gratuitamente che a pagamento.

Angelo Santoro Avviare il Blog - Accademia del Blog accademia del blog  specifica Blog Accademy   Angelo Santoro Avviare il Blog - Accademia del Blog accademia del blog  specifica Blog Accademy

“Quale versione scegliere per avviare il blog”

Come puoi notare la reale differenza nella scelta tra la versione Hosted o Self-Hosted è puramente soggettiva, per concludere questa lezione inerente la differenza tra i due servizi wordpress, ti consiglierei di pensare a un investimento minimo avendo a disposizione la versione self-hosted di WordPress che ti permetterà di realizzare qualsiasi tipo di sito, che si tratti di website statici , e-commerce o blog.

“Ricapitolando”

Riassumendo, la versione .com di WordPress si trova online e non è un software scaricabile e personalizzabile a livello di codice, così come per la versione .org, ecco perchè se sceglierai di utilizzare il software della versione .org avrai bisogno di:

Dominio personalizzato: il cui costo è variabile ma intorno ai 10€ annui.

Hosting: spazio in cui dovrai inserire il tuo CMS wordpress.org per poterlo utilizzare in rete, investimento di qualche euro in più rispetto al dominio.

“Conclusioni da blogger”

Se vuoi creare un blog come hobby pensato espressamente per un livello amatoriale, senza nessun scopo di lucro allora la versione .com è quella che fa al caso tuo.

Ma dato che vogliamo arrivare ad essere blogger professionisti, sarebbe il caso di inziare da subito utilizzando la versione self-hosted per avviare il blog, che ci permetterà di creare un sito flessibile, personalizzabile e che crescerà con la tua attività, dandoci la possibilità di inserire pubblicità come AdSense o altre affiliazioni senza nessun genere di limitazione, facendo della nostra passione il prossimo lavoro.

“Compito da Blogger”

Come di consueto, terminata la nuova lezione, ti lascerò del tempo per assimilare tutte le informazioni, ma non senza darti il tuo compito da blogger di oggi, che è:

Scrivimi nei commenti in basso, quale CMS hai deciso di usare per la creazione del tuo Blog, spiegandomi in breve la tua personale motivazione! 

 

Prima di continuare con la nostra avventura in questa Accademia del Blog, voglio ringraziarti per aver letto questa lezione, spero di poterti aiutare nella tua avventura come blogger.

Se non vuoi perderti le prossime lezioni ti consiglio di utilizzare il tuo social preferito e seguire gli aggiornamenti che verranno pubblicati nei prossimi giorni, o iscriverti all’Accademia, tramite questo modulo:

Dato che questo è un blog autosostenibile, clicca su una delle pubblicità presenti nell’articolo, te ne sarei davvero grato, se volessi partecipare alle spese, potrai fare una donazione, seguendo il link: paypal.me/angelosantoronon è un obbligo, per questo ho scelto la via della donazione libera, senza dar peso a quanto tu possa donare.

Per restare sempre aggiornato sul tema di questo articolo, puoi seguirci su Twitter, aggiungerci su Facebook o Google+ e leggere i nostri articoli via RSS o Telegram. Iscriviti al nostro canale YouTube !!!
Non perderti le ultime novità, iscriviti ora:

Se hai trovato utile questo articolo, puoi aiutarmi a tenerlo attivo, ricorda che questo è un blog autosostenibile, clicca su una delle pubblicità presenti nell’articolo, te ne sarei davvero grato, e se volessi partecipare alle spese, potrai fare una donazione seguendo il link: paypal.me/angelosantoro, tramite PayPal direttamente a Angelo Santoro 



Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *