Angelo Santoro Come diventare wedding planner? Curiositá  Sponsor

Come diventare wedding planner?


Spesso mi ritrovo che tra i progetti da gestire compaiono le Image Consulting, ovvero i consulineti di immagine, tra cui si differenziano i personal shopper e i wedding planer per questo vi spiego, come diventare wedding planner.

Come diventare wedding planner?

Entriamo subito nel caldo della discussione, per diventare wedding planer non bisogna partire col presupposto che non è necessario avere una laurea particolare, od essere iscritti ad albi professionali.

Per diventare wedding planner è sufficiente avere una partita partita IVA per iniziare ad operare, questo perchè è una vera e propria attività, quindi dobbiamo rispettare le norme di legge.

Tuttavia si rivela spesso molto utile seguire uno o più corsi di wedding planning, sopratutto se non avete una laurea in Marketing o in Pubbliche Relazioni o in Scienza delle Comunicazioni che può far sicuramente comodo, sia per le nozioni apprese, sia per come ci si presenta al cliente.

Escluso il percorso di formazione, ci dobbiamo focalizzare nella cosa più importante, fare esperienza.

Il primo consiglio è quello di iniziare lavorando in una società che si occupa di wedding planning, anche solo uno stage vi darà le basi per strutturare il business personale, oppure lavorando in una azienda di catering.

Come farsi conoscere una volta iniziata l’attività?

Diventare wedding planer non è solo aprire la propria attività, una volta apprese le basi e aver impostato il proprio business plan, ci ritroviamo con il punto di partenza ovvero come farsi conoscere.

Per farsi conoscere sono diventati fondamentali i siti internet, utilissimi per promuovere la propria attività, se ne avete bisogno di uno potete contattarmi, il prezzo sarà di favore.

E’ utile farsi conoscere attraverso presentazioni di foto o video, oppure tramite un elenco dei servizi proposti che possono catturare l’attenzione di potenziali clienti.

Due altri strumenti che servono a pubblicizzare l’attività sulla rete sono Google AdWords e Facebook Ads, attraverso i quali si possono promuovere delle pagine internet, utilizzando delle campagne mirate a determinate fasce della popolazione in determinate zone del Paese.

investire nella pubblicità è un punto importante nell’avvio di una nuova attività

In questo modo spendendo cifre irrisorie si possono raggiungere un numero decisamente elevato di poteziali clienti. Un elemento che può fare la differenza è il listino prezzi del wedding planner. Infatti un wedding planner, soprattutto se alle prime armi, deve poter praticare prezzi altamente competitivi per attrarre più clienti possibili, facendo attenzione ai costi.

Questo è possibile grazie ad una attenta gestione dei fornitori (fiorai, fotografi, ristoranti, noleggi auto per gli sposi), che rappresentano i costi più grandi per questa attività.

Quali sono le qualità principali di un wedding planner di successo?

Fondamentalmente diventare un wedding planner significa anche dare la priorità ad alcuni aspetti della propria personalità e del proprio carattere. Infatti chi vuole intraprendere tale professione deve avere una tendenza spiccata per la flessibilità, deve dimostrarsi paziente (anche se gli sposi hanno idee particolarmente bizzarre), lavorando con metodo e dando importanza anche al più piccolo dettaglio.

Inoltre il lavoro del wedding planner può dimostrarsi faticoso e comportare molte rinunce, deve essere sempre il primo ad arrivare sul luogo del matrimonio il giorno stabilito e deve essere uno degli ultimi ad andarsene, ma porta anche molte soddisfazioni.

leggi su prontopro.it le info su come diventare Wedding Planer 

Avete voglia di intraprendere questa nuova attività? scrivimi nei commenti e vedrò come poterti auitare, la curiosità è blogger!!!

Per restare sempre aggiornato sul tema di questo articolo, puoi seguirci su Twitter, aggiungerci su Facebook o Google+ e leggere i nostri articoli via RSS o Telegram. Iscriviti al nostro canale YouTube !!!
Non perderti le ultime novità, iscriviti ora:

Se hai trovato utile questo articolo, puoi aiutarmi a tenerlo attivo, ricorda che questo è un blog autosostenibile, clicca su una delle pubblicità presenti nell’articolo, te ne sarei davvero grato, e se volessi partecipare alle spese, potrai fare una donazione seguendo il link: paypal.me/angelosantoro, tramite PayPal direttamente a Angelo Santoro 



Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *