Angelo Santoro cosa è il cloud e a cosa serve | guida tecnica Curiositá Guida  Cloud

cosa è il cloud e a cosa serve | guida tecnica


Nell’era in cui abbiamo sempre uno smartphone in mano o abbiamo sempre la necessità di avere dati sempre con noi è meglio scoprire e comprendere cosa è il Cloud e a cosa serve.

Utilizziamo sempre più i nostri dispositivi mobili, per scattare foto, avere documenti elettronici a portata di mano, scattiamo foto e chi più ne ha più ne metta, ma ci si ritrova ad un unto dove la memoria fisica del nostro dispositivo arriva al suo limite.

Cos’è il Cloud

Iniziamo a comprendere cosa è il Cloud, il termine cloud computing da cui nasce l’abbreviazione cloud, si riferisce a un insieme di tecnologie e di modalità che permette di fruire, di servizi informatici che favoriscono la possibilità di conservare e di elaborare grandi quantità di informazioni via Internet.

Infatti il cloud offre, la possibilità di usufruire di servizi complessi senza doversi necessariamente dotare né di computer e altri hardware avanzati, né di personale in grado di programmare o gestire il sistema.
In breve, tutto può essere demandato in outsourcing, con servizi gratuiti o a un costo potenzialmente limitato, questo perché le risorse informatiche necessarie per i servizi richiesti possono essere condivise con altri soggetti che hanno le stesse esigenze.

Cosa è il cloud e a cosa serve

Quello che accade nel mondo tecnologico di oggi è che spesso utilizziamo il cloud senza neppure farci caso. Basti pensare che alcuni dei più diffusi servizi di posta elettronica o di elaborazione testi sono “sulle nuvole”.

6 Servizi di cloud Storage da utilizzare per essere organizzati al meglio

Il recato ci ha portato a sfruttare tantissimo i dispositivi mobili ecco che molte funzioni offerte dai cellulari di nuova generazione, ormai conosciuti come Smartphone, sono basate sul cloud

Alcuni esempi per capire meglio il cloud, si trovano nelle applicazioni che sfruttano la geolocalizzazione, opzione utilizzata nei Social che utilizziamo quotidianamente, oppure i servizi che consentono di ascoltare musica come iTunes Music o Spotify, o servizi di messaggistica come Telegram e Whatsapp.

Nuvole diverse per esigenze diverse vediamo come funziona e a cosa serve il Cloud?

Come già mostrato nell’articolo 6 servizi di cloud Storage da usare, si nota come ormai il web offra differenti servizi cloud computing, classificati sia in base all’architettura ma anche alla gestione interna o esterna del trattamento dati, sia in relazione al modello di servizio offerto al cliente.
Infatti ogni tipo di cloud Storage ha le sue personali caratteristiche peculiari, ad esempio vedi Apple e iCloud, che dovranno essere ben valutate al momento in cui si voglia sfruttare al meglio il servizio così detto della nuvola.

Per comprendere meglio cosa è il cloud vediamo quali Tipi di Cloud ci sono:

Private Cloud
Le Private Cloud tradotte in “nuvole private” possono essere paragonate ai tradizionali “datacenter” dove gli accorgimenti tecnologici, permettono di ottimizzare l’utilizzo delle risorse disponibili e di potenziarle agevolmente in caso di necessità.
La “nuvola privata” si presenta come una infrastruttura informatica di computer collegati in rete tra loro, ubicata nei suoi locali o affidata in gestione ad un terzo nella tradizionale forma dell’hosting dei server, dove il titolare dei dati può esercitare un controllo puntuale.
Esempio una rete di computer collegati con essi tramite cavo Ethernet che fa riferimento a un solo computer che ha la funzionalità di server.

Public Cloud
Nel caso della “nuvola pubblica”, Ciò che cambia nell’infrastruttura è che si adopera la proprietà di un fornitore specializzato in servizi Cloud che mette a disposizione di utenti, aziende o amministrazioni attraverso i propri sistemi utilizzando la rete Internet e implica il trasferimento dei soli dati o anche dell’attività di elaborazione presso i sistemi del fornitore del servizio, il quale assume un ruolo importante in ordine delle misure adottate per garantire la protezione delle informazioni condivise.

Hybrid Clous
i Cloud Ibridi sono caratterizzati da soluzioni che prevedono l’utilizzo delle due precedenti soluzioni, Private e Public Cloud, quindi un complementare i servizi erogati da infrastrutture private accanto a servizi acquisiti da cloud pubblici

servizi offerti dal Cloud Computing

Qui entriamo nei dettagli tecnici, quindi non mi soffermo molto ma vi do una infarinatura generale dei tre servizi offerti, per comprendere meglio cosa è il cloud:

Laas: Cloud Infrastructure as a Service, infrastruttura cloud resa disponibile come servizio, si differenzia in quanto il fornitore del servizio cloud offre, secondo un modello “a consumo”, gli strumenti hardware e software di base per intenderci spazi di memoria, sistemi operativi,programmi di virtualizzazione.
Server virtuali remoti che l’utente finale può utilizzare in sostituzione o in affiancamento ai sistemi già presenti nei locali dell’azienda o dell’amministrazione.

Saas: Cloud Software as a Service, software erogato come servizio del cloud dove il fornitore eroga esplicitamente via Internet una serie di servizi applicativi. Un esempio concreto, sono le soluzioni usate negli uffici, erogando solo in modalità web i servizi tra cui troviamo l’elaborazione di fogli di calcolo o di testi, gestione del protocollo e delle regole per l’accesso informatico ai documenti, la rubrica dei contatti e i calendari condivisi, ma anche ai più avanzati servizi di posta elettronica. Diciamo che un esempio è iCloud di Apple.

Paas: Cloud Platform as a Service, ovvero piattaforme software fornite via Internet come servizio, dove il fornitore offre soluzioni software che rispondono alle specifiche esigenze del cliente.
Un esempio lo troviamo tra gli applicativi per la gestione finanziaria, della contabilità o della logistica, anche nel caso dei PaaS, il servizio erogato dal fornitore limita la necessità per il fruitore di doversi dotare internamente di strumenti hardware o software specifici o aggiuntivi, ad esempio SAP che offre servizi software che i propri account si propongono di modificare in base alle scelte del cliente.

In un ambiente più informale quale possa essere un uso privato del cloud computing ovvero dell’utilizzo di questo servizio per una migliore organizzazione, vi propongo

6 tipi di cloud da utilizzare

Dato l’argomento, che cloud utilizzi o avresti voglia di utilizzare? Scrivilo nei commenti qui sotto, la curiosità è blogger!!!

Per restare sempre aggiornato sul tema di questo articolo, puoi seguirci su Twitter, aggiungerci su Facebook o Google+ e leggere i nostri articoli via RSS o Telegram. Iscriviti al nostro canale YouTube !!!
Non perderti le ultime novità, iscriviti ora:

Se hai trovato utile questo articolo, puoi aiutarmi a tenerlo attivo, ricorda che questo è un blog autosostenibile, clicca su una delle pubblicità presenti nell’articolo, te ne sarei davvero grato, e se volessi partecipare alle spese, potrai fare una donazione seguendo il link: paypal.me/angelosantoro, tramite PayPal direttamente a Angelo Santoro 



Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *