Angelo Santoro Differenza tra WhatsApp e Telegram scopriamola insieme Applicazioni Guida Social  whatsapp telegram

Differenza tra WhatsApp e Telegram scopriamola insieme


Parecchie persone pensano che la differenza tra WhatsApp e Telegram sia minima, questo perchè hanno un funzionamento simile tra loro, ma anche per lo stesso stile e design, che non si distacca molto l’uno dal altro.

In entrabe le applicazioni di messaggistica, l’utente è riconosciuto a mezzo numero telefonico e proprio come Whatsapp si collega alla rubrica evidenziando quale dei nostri contatti utilizza l’applicazione, anche telegram sfrutta lo stesso metodo.

Per quanto riguarda Video e Immagini, messaggi di testo nessuna differenza da entrambe le parti, Telegram proprio come Whatsapp, ha le spunte per identificare l’Invio e lávvenuta visualizzazione del messaggio, così come compare l’ultimo accesso e si può comunicare in gruppo.

Ma quale è allora la differenza tra WhatsApp e Telegram 

Visto così non si intuisce molto la differenza tra telegram e WhatsApp,ma comprenderai meglio continuando a leggere l’articolo.

Scopriamo meglio le carte di Telegram

Ne abbiamo sentito parlare tanto ma non sappiamo bene cosa sia, parliamo di Telegram che è un servizio di messaggistica che richiama tantissimo Whatsapp, creata dallo sviluppatore Nikolai Durow e finanziato da Pavel Durov.

Telegram a differenza di altri competitor utilizza un protocollo di comunicazione “Open Source” in grado di minimizzare quanto più possibile la quantità di dati ovvero di byte inviati per ogni singolo messaggio. Questo suo plus implica che anche in presenza di una scarsa ricezione è più facile poter condividere messaggi più velocemente e soprattutto gratis.

Quale è la migiore differenza tra Whatsapp e Telegram 

La differenza tra WhatsApp e Telegram sta nel fatto che, oltre alla sua metodologia di risparmio dati, Telegram è una piattaforma studiata appositamente per essere “multipiattaforma”, l’utilizzo appunto di una piattaforma Cloud, permette di poter usare Telegram non solo sui dispositivi Smartphone ma anche su tablet, e computer, siano essi Apple o Android o altri Brand.

Di sicuro altra differena importante è che WhatsApp permette all’utente di effettuare chiamate VoIP e Video Call, cosa che non è ancora stata inserita su Telegram.

Gestire il tutto tramite cloud permette appunto di poter sincronizzare, leggere e inviare messaggi dai vari dispositivi, proprio come succede per i servizi cloud che possiamo usare anche noi:

6 servizi cloud storage da provare e avere con noi 

Personalmente ho testato Telegram su tutte e tre le versioni e devo comunque ammettere che funziona molto bene, anche perchè mi permette di poter scambiare messaggi tra due device e soprattutto il passaggio per l’utilizzo da pc o da smarthphone senza nessuna differenza, fa si che non importa con cosa si stia messaggiando, perchè anche da smartphone è possibile chattare con qualcuno al pc.

Questo fa si che fino ad ora Telegram non ha mai vissuto un TelegramDown come succede su “Whatsapp

Altra differenza tra WhatsApp e Telegram, in questo caso altro punto a favore di Telegram, è dato dalla crittografia dei messaggi, agggiunta recentemente anche da WhatsApp, un sistema di sicurezza a favore della privacy, permettendo così anche la possibilità di chat segrete.

Un sistema di protezione dei messaggi, che permette la possibilità di inviare messaggi impostando l’auto eliminazione degli stessi dopo pochi secondi, fino ad arrivare a qualche giorno con  il massimo di una settimana.

Che dire di più se non che non si riesce ancora a capire come mai WhatsApp rimanga ancora leader nel settore.

E voi quanto utilizzate Telegram? O siete solo utilizzatori di WhatsApp? Scrivetemi delle vostre scelte nei commenti qui in basso, la curiosità è blogger!!!  

Per restare sempre aggiornato sul tema di questo articolo, puoi seguirci su Twitter, aggiungerci su Facebook o Google+ e leggere i nostri articoli via RSS o Telegram. Iscriviti al nostro canale YouTube !!!
Non perderti le ultime novità, iscriviti ora:

Se hai trovato utile questo articolo, puoi aiutarmi a tenerlo attivo, ricorda che questo è un blog autosostenibile, clicca su una delle pubblicità presenti nell’articolo, te ne sarei davvero grato, e se volessi partecipare alle spese, potrai fare una donazione seguendo il link: paypal.me/angelosantoro, tramite PayPal direttamente a Angelo Santoro 



Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *