Angelo Santoro Profilo Pinterest gestire la SEO al meglio Applicazioni Guida Social  Pinterest

Profilo Pinterest gestire la SEO al meglio


Su Pinterest gestire la SEO è importante per ampliare i follower e soprattutto il numero dei Pinner che pinnano i nostri pin, Seguendo questi semplici passaggi potrai ritrovarti ad avere un profilo Top.

Prima di iniziare a parlare di Pinterest e SEO, voglio informarvi che ho aperto una pagina intitolata PINTEREST, che trovate seguendo il link Angelosantoro.it/pinterest,
dove ho intenzione di inserire la guida completa di questo strepitoso social network, che nel tempo libero sto scrivendo per voi.

Se valutate positivo il mio sforzo, vi invito a seguirmi sulla pagina Facebook Angelo Santoro Blogger.

Dopo aver appreso “Come aprire un profilo Pinterest” e successivamente esserci soffermati su “Migliorare il profilo Pinterest in meno di 15 minuti!“, oggi parliamo di

Pinterest gestire la SEO per attirare follower.

Ebbene sì, anche Pinterest ha la sua personale SEO, per i principianti, la SEO è l’ottimizzazione di criteri specifici per facilitare ai motori di ricerca, di comprendere ciò che stiamo pubblicando in linea.

È un elemento fondamentale, non solo in termini di popolarità ma anche per creare una vera e propria strategia di “web marketing”.

Proprio come avviene nella creazione di pagine web o blog, bisogna saper scegliere delle appropriate keyword, che siano efficaci e che permettano di rimandare al contenuto pubblicato, che possiamo condividere sui siti web, blog o social pertinenti al contenuto stesso.

Per esempio l’ottima SEO ti ha portato sin qui

Riassumendo la SEO consente di migliorare la posizione del tuo dominio, nel nostro specifico caso del profilo, nei motori di ricerca, tra cui anche Pinterest.

ma vediamo come Pinterest gestire la SEO al meglio

Per poter svolgere l’attività SEO su Pinterest è possibile utilizzare non solo il sito ufficiale all’indirizzo Pinterest.com, ma anche l’applicazione ufficiale scaricabile su App Store.

Infatti usando una serie di accorgimenti inerenti il profilo Pinterest, le Bacheche e i Pin, è possibile sfruttare ciò che in gergo viene chiamato “natura virale” permettendoci di incrementare la spinta di popolarità grazie alla SEO.

Su quali punti dobbiamo lavorare per ottimizzare la SEO su Pinterest?

Lo riassumo in 7 punti fondamentali di seguito elencati.

1. URL dell’account

Ebbene sì anche il nostro account Pinterest ci da la possibilità di ottenere una URL di riferimento vincolata al nostro profilo, proprio come accade su Facebook o un sito web, infatti creando un account Pinterest, avremo l’opportunità di utilizzare la URL personalizzata per essere facilmente rintracciabili. Di seguito vi mostro l’esempio di URL personalizzato del mio profilo

pinterest.com/angelosantoro

Dato che la URL è come possedere un proprio dominio personale, risulta essere un ottimo punto di partenza per migliorare la propria strategia di marketing.

Ti ricordo inoltre, che il numero massimo di caratteri che si possono utilizzare hanno il limite di 15, quindi se il vostro nome designato supera il limite massimo, meglio optare per un nickname o mix di parole, che riporti alla tua persona o azienda, meglio se facile da ricordare.
Suggerimento: limita la fantasia e usa un nome che riporta alla base del tuo profilo, se vuoi pintaré di viaggi non scegliere un nome come incubo. A meno che tu non voglia creare Board e pinnare foto e link di vacanze da incubo (14 caratteri 😀)

2. Sezione About o Biografia

A differenza di Instagram che da la possibilità di una bio di al massimo 150 caratteri, Pinterest ha scelto di porre il suo limite a 200. Non sono tanti quindi meglio sfruttarli bene.

Dato che parliamo di SEO, in caso di profilo aziendale, vi suggerisco ci studiare e usare i dati di Google Analytics relativi al tuo sito personale o aziendale, così puoi capire quali sono le keywords, ovvero parole chiave, che i visitatori cercano per raggiungere il tuo sito.

Se invece il tuo profilo è puramente personale, studia le parole chiave che riportano a ciò che hai in mente di pubblicare, quindi seleziona la tua passione e sfrutta Keyword che presentino il tuo personale profilo.

Esempio pratico: se ami le foto scrivi tranquillamente fotografo o photographer, ricorda che pinterest e internazionale.

In entrambi i casi, una volta individuate le keyword, approfitta per inserirle nella tua biografia, costruendo una frase sensata, non usare hashtag come su Instagram, ma sopratutto evita quello che in gergo si chiama keyword stuffing, ovvero continuare a scrivere la parola chiave in ripetizione. Se non hai alcun tipo di problema o sei una azienda con un luogo fisico, inserisci oltre alla descrizione del tuo business anche la posizione e una breve descrizione del luogo, ricorda sempre di non dilungarti, 200 caratteri terminato in breve.

3. Sito verificato
In caso tu sia in possesso di un sito internet sia esso una webpage o un blog, vi suggerisco un ottimo modo per migliorare la tua visibilità nei motori di ricerca, verificando la proprietà.
Questo passaggio garantisce agli utenti che visitano il tuo profilo, che sei davvero tu a pinnare e non un Fake o un Fan della tua attività.

Se vuoi sapere come verificare il tuo sito, ecco il nostro [ creare articolo ] post.

4. Immagine di profilo
Uno dei dubbi che mi hanno sempre ossessionato inerente i Social, è quale sia la foto corretta da postare al nostro profilo.
Ma che decida di porre una foto personale o del tuo Brand, l’importante è che il nome della tua immagine e del testo alternativo, incide sulla SEO quindi sui motori di ricerca.

Per riassumere, se il nome del file della tua immagine profilo di Pinterest è di tipo generico come ad esempio “image00001.jpeg”, è ora di aggiornarla.

Rinomina i File che siano di loghi inerenti la tua attività o foto personali.

5. Nomi e descrizioni delle board

Perché anche su pinterest gestire la SEO è di vitale importanza, sappi che dare alle tue board, o bacheche che dir si voglia , i nomi che preferisci, non è del tutto conveniente.
Meglio se sfrutti questa possibilità scegliendo titoli appropriati e che contengano le keyword soprattutto quelle di maggior impatto.
Non vi è nulla che vieti di scrivere titoli lunghi, ma preferibilmente è meglio mantenere il limite al di sotto dei 20 caratteri.
Non preoccuparti perché oltre al titolo ogni bacheca ha a disposizione uno spazio di 500 caratteri, destinati a contenere la descrizione in cui potrai entrare nei dettagli, ricorda sempre di includere le tue parole chiavi migliori, rispettando l’argomento della bacheca.
Per questo ti consiglio di creare una bacheca per ogni principale parola chiave o long tail keywords, facilitando così le ricerche dei Pinner e farti conoscere da chi ha i tuoi stessi interessi.

6. Categorie delle bacheche

Piccola perla di saggezza, su pinterest gestire la SEO implica anche dare la giusta categoria alle bacheche che crei.
Infatti per aumentare la visibilità dipende tanto dalle categorie di Pinterest.
Quando si crea una bacheca o anche se lo hai già fatto in precedenza, nelle impostazioni inerenti la board, trovi l’opzione categoria, un elenco a discesa dove potrai trovare la categoria generale.
Una volta che inserisci dei nuovi Pin in questa bacheca, compariranno tra i contenuti della categoria prescelta, facilitando così la possibilità di Pin da parte di altri utenti.

7. Descrizione dei Pin
Come ultimo ma non per importanza, su Pinterest gestire la SEO quando pinniamo, soprattutto se dal nostro sito, è un ottimo modo per aggiungere informazioni.
Ti ricordo inoltre, di inserire sempre le keywords designate, in modo da farle combaciare con la bacheca e la sua descrizione.
Suggerimento più unico che raro, non usare gli short link perché vengono riconosciuti come spam.

E tu oltre i suggerimenti indicati hai altri informazioni utili su Pinterest gestire la SEO al meglio? Scrivi nei commenti qui sotto, ricorda la curiosità è blogger!!!

Per restare sempre aggiornato sul tema di questo articolo, puoi seguirci su Twitter, aggiungerci su Facebook o Google+ e leggere i nostri articoli via RSS o Telegram. Iscriviti al nostro canale YouTube !!!
Non perderti le ultime novità, iscriviti ora:

Se hai trovato utile questo articolo, puoi aiutarmi a tenerlo attivo, ricorda che questo è un blog autosostenibile, clicca su una delle pubblicità presenti nell’articolo, te ne sarei davvero grato, e se volessi partecipare alle spese, potrai fare una donazione seguendo il link: paypal.me/angelosantoro, tramite PayPal direttamente a Angelo Santoro 



Un commento

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *