Angelo Santoro Sicurezza Android in crisi per il 60% dei dispositivi Curiositá  Android

Sicurezza Android in crisi per il 60% dei dispositivi



Ormai é un appuntamento fisso quasi come due amici che si incontrano il venerdì sera per uscire, ovvero le differenze tra utilizzatori dei prodotti Apple e gli utilizzatori di Android, dove la discussione viaggia come un treno su due binari che si incontrano solo in fase di scambio.

Per chi bazzica un po’ in questo settore, sa però che in realtà il sistema operativo Android risulta meno sicuro con molti bug o con svariate falle inerente la privacy.

Angelo Santoro Sicurezza Android in crisi per il 60% dei dispositivi Curiositá  Android

Di informazioni inerenti questo argomento ce ne sono tantissimi sul web, anche se molti androidi ani continuano ad affermare l’inverso, ma c’è da dire che le cose iniziano a cambiare e comunque fino ad ora non risultano attacchi di grossa entità che abbiano arrecato danni all’immagine di Android.

Una delle falle di maggior interesse per gli addetti ai lavori, riguarda più di 930 milioni di dispositivi, che variano tra smartphone e tablet ma anche chiavette con all’interno installata una versione Android precedente alla versione 4.4 KitKat. Pur essendo arrivati alla versione 5.0 di Android, il fattore di non aggiornamento da parte delle major che producono fisicamente i dispositivi, il sistema operativo, fa si che questa miriade di telefoni, tablet e chiavette siano ancora ferme a versioni di Android molto vecchie alcuni dei quali hanno un OS abbastanza obsoleto.

Angelo Santoro Sicurezza Android in crisi per il 60% dei dispositivi Curiositá  Android   Angelo Santoro Sicurezza Android in crisi per il 60% dei dispositivi Curiositá  Android

La reale Vulnerabilità che è stata scoperta riguarda un particolare componente del sistema operativo chiamato Webview, il suo compito all’interno dell’intero sistema è quello di visualizzare le pagine HTML, il problema è che questo strumento non è utilizzato solo per lo scopo base, ma è utilizzato da tutte quelle applicazione implementate in Android che si appoggiano anche se solo sporadicamente alle pagine web.

L’esempio più banale è quando un’applicazione ci reindirizza alla pagina di login di un social network, per non parlare di tutte le volte che un’applicazione ci indirizzi a qualsiasi pagina web. la casa madre non rimane con le maniche in mano ma la palla continua a rimbalzare tra lei e i produttori di dispositivi, perché aggiornare i vecchi dispositivi non è conveniente alle tasche. Dato l’innumerevole numero di prodotti coinvolti nella falla più grossa, l’aggiornamento dalla versione 4.3 in giù dovrebbe portare a un aggiornamento completo del sistema

Quindi dato che questo problema per la sicurezza android, risulta presente per un buon 60% dei devi e presenti sul mercato e in mano ad utenti, non sarà per nulla facile trovare una soluzione pacifica.

Problematica che alla fine porta sempre l’utente finale a dover spendere sempre più per essere aggiornato e non rischiare dati personali.


 

Per restare sempre aggiornato sul tema di questo articolo, puoi seguirci su Twitter, aggiungerci su Facebook o Google+ e leggere i nostri articoli via RSS. Iscriviti al nostro canale YouTube !!!
Non perderti le ultime novità, iscriviti ora:

Se hai trovato utile questo articolo, puoi aiutarmi a tenerlo attivo con una Donazione tramite PayPal direttamente a Angelo Santoro 



Un commento

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *