Termostato Nest: diciamo addio al cronotermostato


Dopo avervi parlato della Nest Cam indoor e outdor, oggi vi parlo di una altra soluzione che Nest ci offre per la nostra casa.

Termostato Nest: diciamo addio al cronotermostato

Siamo arrivati alla terza generazione del termostato Nest auto programmante. Il livello di automazione raggiunto da questo dispositivo è estremamente elevato e permette a chi lo installa di non doversi più preoccupare del riscaldamento degli ambienti come una volta.

La particolarità del termostato Nest è che impara ad auto programmarsi sulla base delle informazioni immagazzinate nel corso dei primi utilizzi.

Quali sono i vantaggi di avere un termostato wifi “intelligente”?

Sicuramente c’è la incredibile abilità di imparare le abitudini di chi abita nella casa. Questo permette un grande risparmio energetico, che lo differenzia dagli altri prodotti. In più grazie alla connessione wifi, il termostato Nest può aggiornarsi automaticamente, scaricando i nuovi firmware da internet senza interventi esterni. Inoltre sempre grazie alla rete rimane sempre informato riguardo le previsioni meteo, per poter modificare il riscaldamento in base alle condizioni esterne.

Come installare il termostato Nest Dentro la confezione troviamo un dispositivo che si chiama Heat Link, che serve da connettore ed anche da trasformatore alimentato a 220 o 230V; rappresenta il ponte tra la caldaia e il termostato, che non deve mai essere collegato direttamente alla rete domestica, pena il danneggiamento del termostato.

Da questo Heat Link si snodano due cavi da collegare al termostato ed altri due alla caldaia. E’ sempre meglio farsi aiutare da un elettricista in questo genere di operazioni, anche perchè potrebbe vedersi necessaria l’installazione di una canalina.

Dopo averlo installato si può procedere alla installazione e configurazione del dispositivo. Bisogna inoltre specificare la tipologia di riscaldamento che l’ambiente presenta (ad esempio ad elettricità o a gas).

L’utilizzo del nuovo termostato nest Nei primi giorni il termostato nest imparerà a riconoscere le abitudini dei residenti attraverso i continui spegnimenti ed accensioni e modifiche della temperatura.

Dopodichè creerà un programma specifico basato sui dati raccolti. In questo modo l’utente non dovrà più preoccuparsi di modificare le impostazioni del termostato. Non solo, un’altra importante differenza sta nella possibilità di scaricare l’applicazione apposita per poter controllare da remoto il termostato, ottimizzando ancora di più i consumi.

Alcune precauzioni nell’acquisto del termostato Nest

E’ necessario prima di procedere all’acquisto del termostato nest, verificare se il prodotto che si intende acquistare è compatibile con la rete elettrica italiana. Al momento la versione che è utilizzabile anche in Italia è quella presente anche sul mercato inglese.

Leggi di più su Termostato Nest nel blog prontopiù.it

Per restare sempre aggiornato sul tema di questo articolo, puoi seguirci su Twitter, aggiungerci su Facebook o Google+ e leggere i nostri articoli via RSS o Telegram. Iscriviti al nostro canale YouTube !!!
Non perderti le ultime novità, iscriviti ora:

Se hai trovato utile questo articolo, puoi aiutarmi a tenerlo attivo, ricorda che questo è un blog autosostenibile, clicca su una delle pubblicità presenti nell’articolo, te ne sarei davvero grato, e se volessi partecipare alle spese, potrai fare una donazione seguendo il link: paypal.me/angelosantoro, tramite PayPal direttamente a Angelo Santoro 



Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *